Newsletter 25/11/2020
Aggiornato al 7 Gennaio 2021

#25 NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE: La pandemia in corso ha impedito alla nostra amministrazione di realizzare le iniziative in programma per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne ma non ha scalfito l’intento di promuovere la propria attività di sensibilizzazione dei cittadini e dell’opinione pubblica.
Pertanto, in un lavoro di rete e di sinergia con gli altri Comuni del Distretto Ovest veronese, ha aderito al progetto “VIOLENZA SULLE DONNE, MAI PIÙ SILENZIO” sostenendo l’importanza dell’unione degli amministratori e dei cittadini nel realizzare interventi volti all’accoglienza e comprensione delle donne in difficoltà contro il velo di omertà e silenzi che spesso sovrasta la violenza.
A testimonianza di questo impegno dalla facciata del nostro edificio comunale, come negli altri comuni, è stato steso un pannello che ritrae il famoso quadro della pittrice secentesca Artemisia Gentileschi (scuola Caravaggio) “Susanna e i vecchioni” che evoca una storia di soprusi a cui purtroppo fu sottoposta la grande pittrice.


SPOSTAMENTO DEL MERCATO A PIAZZA GUERRIERI: Per procedere con i lavori di Via Fosse si è reso necessario lo spostamento del mercato settimanale del giovedì (banchi alimentari) da Piazza Bassani a Piazza Guerrieri. Da domani, come indicato dagli appositi avvisi, il giovedì mattina non sarà possibile parcheggiare negli stalli su Via Verdi e su Piazza Guerrieri.
Sul sito è disponibile la planimetria del mercato.


COMUNE E CROCE ROSSA: AIUTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ: Riparte la collaborazione tra il servizio sociale e la Croce Rossa in aiuto alle famiglie in difficoltà per l’emergenza sanitaria in corso.


PROROGA TERMINE PRESENTAZIONE DOMANDA PER LA 43^ PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO:

È stato prorogato il termine di presentazione delle domande per il concorso indetto dalla Camera di Commercio di Verona per la 43^ premiazione della fedeltà al lavoro, del progresso economico e del lavoro veronese nel mondo edizione 2020.

La documentazione è scaricabile dal sito della Camera di Commercio di Verona all’indirizzo www.vr.camcom.it.

Il nuovo modello di lettera è invece disponibile sul sito del Comune di Bardolino.


CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE: Lunedì 30 Novembre 2020, alle ore 19:00 presso la sala Consiliare si terrà il Consiglio Comunale in seduta pubblica, sessione ordinaria.
L’ordine del giorno è consultabile sul si web del Comune.


PILLOLA DI CULTURA: “BENVENUTI A TEATRO. DOVE TUTTO È FINTO MA NIENTE È FALSO”
Gigi Proietti è uscito di scena con un tempo teatrale perfetto. Era nato il 2 novembre di 80 anni fa , a Roma ed è morto lo stesso giorno. Con una bravura fuori di misura ha scolpito in molti di noi il miglior immaginario comico italiano. Muore un grande attore teatrale, e non solo, proprio mentre i teatri sono chiusi a causa della pandemia.
Cosa potremmo dire di Gigi Proietti? Crediamo di poter fare riferimento a due aspetti. Uno riguarda una sua specifica caratteristica, ovvero la voce. Proietti non è stato grande solo per la prestanza del suo fisico, la versatilità del suo carattere e il dinamismo della sua recitazione. Egli ha avuto un alleato fondamentale nel suo successo, un sostegno che non tutti i grandi attori, specie di cinema, hanno, ovvero la voce. La voce di Proietti era profonda e vibrante, ondeggiava fra toni acuti e gravi, sonorità nasali e di diaframma, dolce, suadente, delicata, energica, potente e imperiosa. Uno dei suoi capolavori è stato il doppiaggio del Genio nel film “Aladdin”, un autentico gioiello di capacita’ espressiva. Proietti è stato “La” voce, un tratto essenziale, senza il quale probabilmente il personaggio non avrebbe avuto il successo che tutti conosciamo. La voce di Proietti era il suo biglietto da visita, un timbro sonoro che autenticava le sue prestazioni come forme espressive uniche e irripetibili. Anche quando rifaceva per l’ennesima volta i suoi sketch e raccontava le sue barzellette, ogni ripetizione era unica, perché la sua voce era ogni volta nuova. L’altro aspetto riguarda la vita ed il suo essere attore. Amante del teatro fin da ragazzino, il vero incontro con l’arte della recitazione avviene in ambito universitario. Da allora in poi e’ stato un susseguirsi di ruoli in cui Proietti è’ riuscito a rappresentare con garbo e delicatezza ma anche con grande vigore ed energia il complesso e al tempo stesso piacevole impegno di saper stare sul palcoscenico. Fu
allievo di personaggi di spicco come Arnoldo Foa’ e Giancarlo Sbragia. Giustamente
considerato erede naturale di Ettore Petrolini. La sua carriera artistica e’ stata molto lunga: ha attraversato la scena teatrale e cinematografia per oltre mezzo secolo, interpretando svariati personaggi noti o frutto della sua fervida fantasia, spaziando da Moliere a Shakespeare.
Ma Gigi Proietti era anche un uomo con grande senso dell’impegno sociale. Non tutti sanno che intraprese molte iniziative teatrali nelle carceri e negli ospedali portando un sorriso a chi ne era in quel momento privato.
Il teatro e l’Italia tutta perde un grande Maestro. “La comicità è una questione complessa. Non basta mettere in scena una cosetta simpatica per guadagnarsi gli applausi “..
Un pensiero che resta oggi come insegnamento per tutti noi che la sua ironia l’abbiamo sempre presa molto sul serio.

23 visite