Calmasino: quale futuro?
Aggiornato al 12 aprile 2016

Una lunga e serena chiacchierata sul futuro di Calmasino si è svolta mercoledì 21 novembre nella sala civica della frazione di Bardolino. Da una parte il sindaco Ivan De Beni, supportato dall’assessore Loris Lonardi, dall’altra una quarantina di residenti che hanno aderito all’invito dell’Amministrazione comunale. In apertura il primo cittadino ha spiegato che esiste un finanziamento regionale di 77mila754 euro per la riqualificazione di Piazza Risorgimento ma che ad oggi tutti i cinque progetti presentati alla sovraintendeza sono stati bocciati. Il motivo è legato alla promiscuità tra parcheggi e piazza e in sovraintendeza sono stati chiari: o si fa una piazza o un parcheggio. Sul punto i presenti all’incontro hanno fatto prevalere la prima ipotesi, necessaria per dare una nuova veste e anima a Calmasino. E’ stato anche proposto di costruire un marciapiede in tutta Via Verona (verrà asfaltata la primavera prossima) al posto dei tanti inestetici paletti attualmente posizionati. Sempre nel corso della riunione il sindaco ha fatto il punto sul completamento del complesso scolastico con la costruzione della palestra e centro per anziani. “Stiamo cercando modalità d’intervento che ci permettano di non incidere sul Patto di stabilità”, ha svelato il primo cittadino non nascondendo una certa dose d’ottimismo. In merito alla nuova farmacia buone nuove arrivano dalla Regione che ha attivato il bando e le procedure da seguire dopo aver accolto le richieste del Consiglio comunale. Infine proseguono i lavori per la posa della fognatura e gas in località Palù. Seguiranno i lavori in località Carlotte. All’incontro erano presenti anche il vicesindaco Lauro Sabaini e il consigliere Maurizio Comencini

689 visite